Continua l’azione a Brentwood, dove si è conclusa la terza giornata della fase finale dell’English Open. Completati altri 19 match, con il tabellone che si allineerà domani agli ottavi di finale. Ronnie O’Sullivan si ritrova sotto 2-0, ma poi recupera contro Dechawat Poomjaeng in un incontro scoppiettante. Continua il cammino di Trump e Robertson. Higgins vince in rimonta al decider contro Milkins. Allen sconfigge ancora Ding dopo la finale dello UK Championship.

Prosegue spedito l’English Open, settimo torneo full ranking della stagione e penultimo della Home Nations Series. Al Brentwood Centre è giunta al termine un’altra giornata ricca di incontri, con match emozionanti che hanno arricchito tutte e tre le sessioni odierne.

Ronnie O’Sullivan ha superato non senza difficoltà Dechawat Poomjaeng, recuperando dallo 0-2 e aggiudicandosi quattro frame consecutivi. L’incontro è stato a tratti poco ortodosso, condito da risate e tiri da esibizione. Il giocatore thailandese, rientrato sul Tour dopo 5 anni, occupa al momento l’ultima posizione del ranking (123) ma nonostante ciò è ritornato a lasciare il segno con il suo carattere esuberante. Il quarantaquattrenne ha sfruttato un inizio caotico per portarsi avanti, subendo però nel finale la classe cristallina del suo avversario.

Poomjaeng ha sfruttato due inusuali errori del numero uno al mondo per vincere il primo, anche grazie a una serie da 44. Nel secondo parziale ne sono successe di ogni colore: fluke, errori vistosi, falli e poi la nera decisiva. Dopo diverse scelte di tiro discutibili, è stato ancora l’asiatico ad avere la meglio, raddoppiando il vantaggio. Il campione del mondo in carica ha però innestato le marce superiori a partire dal terzo, lasciando appena 31 punti all’avversario. Il vincitore dell’English Open 2017 ha piazzato break consecutivi da 61, 69, 104 e 76 per conquistare il terzo turno, dove affronterà Martin Gould.

Il primo giocatore a qualificarsi per gli ottavi è stato Judd Trump, che senza perdere troppo tempo ha sconfitto Fraser Patrick. Il numero 2 al mondo non ha lasciato per strada neanche un frame, mostrando picchi del suo miglior gioco, soprattutto nelle fasi iniziali. Poco da fare per il giocatore scozzese, arrivato a un match che lo vedeva sfavorito senza giocare. Il numero 83 al mondo aveva sfruttato infatti il forfait di Lu Ning, uno dei sette giocatori sospesi la scorsa settimana. Il mancino di Bristol ha trovato sin da subito costanza nel gioco di serie, mettendo a segno serie da 118 e 81 per passare a condurre 2-0. Pur senza ritrovare la stessa qualità, l’inglese ha lasciato poi all’avversario soli altri 25 punti, chiudendo in meno di un’ora sul 4-0.

John Higgins trova il suo miglior gioco nel finale e batte al decider Robert Milkins, vendicando la sconfitta subita allo Scottish Open. Il quattro volte campione del mondo è riuscito a recuperare dall’1-3, dopo un inizio in cui aveva commesso svariati errori. Il giocatore inglese aveva sfruttato al meglio le occasioni avute, ma si è poi dovuto arrendere a una fiammata del più blasonato avversario. Il giocatore di Wishaw, alla ricerca di un exploit per chiudere il 2022 in crescendo, dovrà senza dubbi replicare quanto visto nel finale per poter ambire al titolo. Break consecutivi da 86, 56 e 62 hanno permesso al numero 6 al mondo di ribaltare il match e ottenere una preziosa vittoria.

Mark Allen sconfigge ancora una volta Ding Junhui, dopo la finale dello UK Championship dello scorso mese. Il giocatore nordirlandese ha rimontato da una difficile situazione che lo vedeva sotto 3-1 per trionfare al decider. Come Higgins, il mancino di Belfast ha trovato il suo miglior snooker soltanto nel finale, soffrendo nelle prime fasi del match. Il cinese aveva preso in mano le redini del match e sembrava molto vicino a chiudere, proprio come nella prestigiosa finale di novembre. Qualche errore di troppo e un avversario sempre più in sicurezza hanno finito per sgretolare le certezze del trentacinquenne di Yixing.

Allen ha realizzato serie da 86 e 94 (nata da un fluke), per poi chiudere in grande stile con una ripulitura totale da 113 dopo un errore in difesa del cinese. Suo prossimo avversario sarà il vincente tra Astley e Zhao.

Continua il cammino di Neil Robertson, che batte 4-0 Elliot Slessor. Il campione in carica è stato l’ultimo a concludere il proprio match. Il mancino australiano ha subito aperto i giochi con una serie vincente da 88, prima di aggiudicarsi nel finale un tiratissimo secondo parziale, vinto 66-64. Avanti 2-0, il numero quattro al mondo ha realizzato due mezzi centoni consecutivi ( 60, 63) per andare ad affrontare Ryan Day agli ottavi.

Vince in maniera netta anche Mark Selby, che prova a sbloccarsi dopo 19 mesi senza titoli conquistati. Il giocatore di Leicester infatti non solleva un trofeo dalla vittoria al Crucible nel 2021. Il numero tre al mondo ha avuto la meglio sul giovane cinese Wu Yize, imponendosi con il punteggio di 4-1. Il quattro volte campione del mondo ha subito iniziato alla grande con un centone (102), per poi vincere una serie di frame molto equilibrati. Wu ha messo a segno un break da 85 nel quarto, ma può avere qualche rimpianto in quasi tutti gli altri parziali disputati. L’inglese ha fatto valere la propria maggiore esperienza nei momenti cruciali. Prossimo avversario il vincente tra McGill e Murphy.

Negli altri match dell’English Open, successo rapido per Jack Lisowski, che non lascia frame a Stuart Carrington, siglando serie da 83, 111, 63 e 61. Shaun Murphy batte 4-1 un avversario insidioso e in forma come Sam Craigie, realizzando centoni nel primo e nel quinto frame (119, 127). Doppio successo per Thepchaiya Un-Nooh, che si qualifica così per gli ottavi. Il thailandese ha battuto 4-1 in mattinata Tian Pengfei, prima di ripetersi con lo stesso punteggio in serata contro un altro cinese, Yuan SiJun. Vince senza perdere frame Zhao Xintong, che batte nettamente Andres Petrov. Avanzano anche Barry Hawkins (4-2 su Muhammad Asif) e Luca Brecel (4-2 contro Oliver Lines).

Sito ufficiale con risultati completi e tabellone dell’English Open

Picture credits: WST

Sull'autore

Marco Staiano

Sogni, speranze e illusioni celati in ventidue bilie colorate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.