Solito giovedì intenso all’English Open, come in tutti i tornei della Home Nation Series. Completati i restanti match di terzo turno nel pomeriggio e in serata disputati su due sessioni tutti gli ottavi di finale. Un ispirato O’Sullivan gioca un ottimo snooker e affronterà Brecel. Higgins al rematch con Yan. Grande quarto tra Robertson e Wilson. Trump affronta King.

Quarta giornata ricca di match a Milton Keynes per l’English Open. In tutti i tornei della Home Nations Series il giovedì è sinonimo di tanti incontri, con ben 17 partite disputate alla Marshall Arena. Nel pomeriggio il tabellone si è allineato agli ottavi di finale, disputati poi su due sessioni in serata.

Ripercorriamo il cammino degli otto giocatori che hanno conquistato i quarti di finale.

Judd Trump, dopo aver superato ieri Steven Hallworth, batte con il punteggio di 4-1 Ross Muir ed ottiene l’undicesima vittoria consecutiva all’English Open. Il numero uno al mondo ha perso il primo frame, ma poi lentamente ha fatto valere la maggior caratura complessiva, sconfiggendo un avversario che ha dimostrato di poter essere pericoloso, nonostante non sia attualmente tra i professionisti.

Dopo un’imprecisione iniziale, Muir ha dato prova delle sue qualità, realizzando una serie da 70 per passare in vantaggio. Il mancino di Bristol però, nonostante qualche incertezza palesate in alcuni momenti, ha offerto una prestazione molto solida, piazzando almeno un mezzo centone in ogni parziale. Break da 81, 57, 104 e 62 hanno così dato il successo al favorito.

Il numero uno al mondo affronterà Mark King, che ha messo fine al torneo della rivelazione Paul Deaville. L’ex-vincitore del Northern Ireland Open ha fatto valore la sua grande esperienza al tavolo, aggiudicandosi il match senza perdere neanche un frame. Il numero 54 al mondo non ha incantato, ma con il suo gioco fatto di imbucate dalla distanza e ottima solidità difensiva, è riuscito a disinnescare il diciassettenne di Blackpool.

Il secondo quarto di finale sarà sicuramente uno dei più attesi e vedrà opposti Kyren Wilson e Neal Robertson.

L’inglese, dopo essere stato ad un soffio dall’eliminazione ieri contro Ben Woollaston, batte con un netto 4-1 Robbie Williams e conquista il primo quarto in stagione. Williams aveva sconfitto Barry Hawkins e senza dubbi ha provato a fare il suo match. Dall’1-1 però il giocatore di Kettering è stato più preciso ed ha meritato il successo. Il numero 69 al mondo è riuscito a realizzare una serie da 60 nel secondo per raggiungere Wilson, ma ha poi soltanto siglato 16 punti nei successivi tre parziali. L’ex-finalista del campionato del mondo ha chiuso nel quinto con una serie da 102 punti.

Complesso anche il successo per l’australiano, che dopo aver recuperato contro Sunny Akani ier, riprende nel finale anche Mark Davis, sconfiggendolo al frame decisivo. L’esperto inglese era stato avanti prima 2-0 e poi 3-2 ma non è riuscito a chiudere il conto. Il mancino di Melbourne, seppur ancora non nelle migliori condizioni, fa valere comunque la sua grande classe. Il numero quattro al mondo ha concentrato la qualità nei momenti più delicati. Con serie da 72 e 85 si è riportato prima sul 2-2 e poi ha chiuso nel settimo grazie ad un definitivo break da 73 punti.

Ronnie O’Sullivan è il primo nella sessione conclusiva ad accedere tra i migliori otto del torneo. Il sei volte campione del mondo, già vincitore del torneo nel 2017, ha sconfitto questo pomeriggio 4-3 l’amico Anthony Hamilton e non ha lasciato poi scampo al gallese Jamie Clarke, non concedendogli neanche un frame. O’Sullivan ha dimostrato ancora di essere devastante quando in serie, realizzando altri tre centoni in giornata.

Nel pomeriggio aveva rischiato contro l’amico di vecchia data Hamilton, dopo che era stato in vantaggio 3-1. Con due mezzi centoni, il numero tre al mondo sembrava essere quasi certo del successo, ma il giocatore di Nottingham ha dato prova delle sue abilità, forzando il decider con due settantoni consecutivi. Qui dopo una buona giocata difensiva, applaudita dal pubblico, Hamilton si è ritrovato sconfitto, con O’Sullivan che ha siglato un magnifico break da 119.

In serata poco da fare invece per Jamie Clarke, mai realmente nel match. Il numero 67 ha provato ad allungare il primo parziale cercando snooker invano e dopo una marrone fallita, non ha più avuto chance. Soltanto 19 i punti complessivi messi insieme dal giocatore di Llanelli. O’Sullivan ha invece realizzato in scioltezza due mezzi centoni ( 59, 54) e due centoni (123, 120). Proprio questo 120 sarebbe potuto diventare una serie perfetta, ma l’inglese ha fallito il piazzamento dall’ultima nera alla gialla.

O’Sullivan affronterà un Luca Brecel ben centrato, che ha sconfitto da favorito, senza subire la tensione, sia Li Hang che Fraser Patrick, ed ottiene all’English Open un quarto di finale in un torneo Home Nation a distanza di sei anni (Welsh Open 2015).
Dopo aver già sconfitto Allen, il belga sembra essere tornato ad esprimere il suo miglior gioco con buona continuità, senza troppi passaggi a vuoto.

Contro Li, dall’1-1, ha tenuto saldamente in mano le redini del gioco, chiudendo sul 4-1 anche grazie al contributo di serie da 64 e 84. Contro Patrick invece, che aveva sconfitto a sorpresa Shaun Murphy nel pomeriggio, c’e stata più lotta ma anche un livello di gioco più alto. Brecel ha realizzato tre mezzi centoni es un centone per assicurarsi il successo con un 4-2.

Poco dopo il suo coetaneo, ottiene il successo anche John Higgins, che accede ai quarti battendo 4-1 Ding Junhui. Lo scozzese ha superato nel primo match di giornata Lu Ning, rischiando e chiudendo soltanto al decider, per poi battere più agevolmente il cinese, in un match finito (tristemente) soltanto sul tavolo 3. Il quattro volte campione del mondo sembra in ripresa, dopo qualche prestazione un po’ sottotono nelle scorse settimane. Già due i quarti di finale in altrettanti tornei Home Nation giocat per il giocatore di Wishaw.

Higgins, come O’Sullivan, era andato avanti 3-1 contro Lu e pareva essere in perfetto controllo della situazione. Il cinese ha però recuperato, portando il match al settimo e conclusivo parziale. Qui si è vista la classe dello scozzese, bravo a chiudere con un break da 93. Contro Ding, Higgins ha invece alzato il livello, realizzando quattro serie di qualità per aggiudicarsi altrettanti frame. Il trentaquattrenne di Yixing è riuscito a conquistare soltanto il terzo parziale, senza mai entrare realmente nel match. Serie da 80, 69, 97 e per finire 103 hanno garantito ad Higgins la vittoria.

Nei quarti Higgins affronterà, in un remake della semifinale del Northern Ireland Open, Yan Bingtao. Il ventunenne di Zibo batte due avversari di livello come David Gilbert e Mark Selby, affermando sempre di più il suo status di top player. Salgono a sedici le vittorie stagionali, a fronte di due sole sconfitte. Yan non è sicuramente uno dei giocatori più spettacolari ma dimostra sempre più di avere una mentalità vincente e un gioco capace di mettere in difficoltà anche i più forti.

Contro Gilbert è stato inizialmente sotto 2-0, ma poi si è aggiudicato quattro frame consecutivi. Con due mezzi centoni siglati al momento giusto per prendersi una vittoria sofferta ma meritata. Come prevedibile ancora più duro il match contro il campione del mondo in carica Mark Selby, conclusosi al settimo e decisivo parziale. Qui Yan è partito meglio, andando avanti 2-0 e 3-1, ma ho dovuto subire la rimonta di un giocatore come Selby, estremamente a suo agio in layout spezzettati e lunghi scambi difensivi. Nel decider, nonostante un mezzo centone del nuovo numero uno della classifica, Yan si è imposto con il punteggio di 70-57.

Sito ufficiale con risultati completi e tabellone dell’English Open

Sull'autore

Marco Staiano

Le sale fumose, i cazzotti, bere fino all'alba, scommettere l'ultima sterlina sul frame decisivo. Gilet all'ultima moda e cravatte sgargianti. Il genio e la sregolatezza in una stecca. Le macchine da guerra del panno verde. Il Crucible Theater. Sogni, speranze e illusioni celati in ventidue bilie colorate.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *